» Home > Disturbi d'Ansia

Disturbi d'Ansia

Momenti di ansia sono conosciuti da tutti in particolari occasioni che siano nuove o che richiedano un notevole impegno fisico o psichico, come per esempio prima di competizioni sportive, esami a scuola, lavori difficili, incontri sociali importanti, eventi anche piacevoli ecc. ...

Una situazione in cui si prevede, o si ipotizza, un pericolo mette in moto tutta una serie di tensioni psicofisiche che sono necessarie per fronteggiare l'evento, questa tensione nervosa utile spesso viene chiamata ansia. Questo tipo di ansia, che propriamente significa preoccupazione, paura, timore può essere anche stimolante per trovare in sé maggiori risorse fisiche e psichiche per impegnarsi di più nello studio o nel lavoro e per trovare la soluzione migliore a situazioni difficili.
Quando però l'ansia è eccessiva nella durata e nella misura si può ipotizzare un disturbo psicologico.

Disturbo d'ansia generalizzato

Lo stato di instabilità emotiva caratterizzato da preoccupazione e attesa apprensiva persistente quasi tutti i giorni per motivi anche banali, se perdura da almeno sei mesi con sintomatologia consistente e con possibili crisi o accessi di angoscia acuta, allora viene definito, secondo i criteri diagnostici del DSM-IV, Disturbo d'Ansia Generalizzato ( GAD).
Questo è il più frequente disturbo d'ansia, insorge in età giovanile o adulta ed è contraddistinto da uno stato di tensione, incertezza, attesa apprensiva ed aspettativa di pericolo, che si può trasformare in angoscia.

La persona si sente inerme, in balia degli eventi, impossibilitata a fronteggiare anche le normali situazioni di lavoro, i problemi economici o della famiglia.
Il paziente spesso si sente incapace di organizzare i propri pensieri, si sente confusa e scoraggiato, insicuro di sé, scontento di ciò che ha fatto nel passato, pieno di dubbi sul presente, timoroso del futuro che si prefigura negativo.
Questo stato d'ansia può essere stabile oppure avere degli episodi o momenti di acutizzazione in occasione di situazioni emotivamente più impegnative.
Dato che il disturbo si sviluppa gradualmente, spesso le persone sottovalutano o minimizzano l'importanza di questi sintomi, ne attribuiscono l'insorgenza solamente alle situazioni stressanti; si preoccupano invece molto di più dei sintomi fisici correlati al disturbo.

I sintomi somatici sono sia soggettivi che obiettivamente riscontrabili in vari apparati :

  • sintomi respiratori : difficoltà a respirare, sensazione di fame d'aria, respiro con affanno, sensazione di nodo in gola che ostacola il respiro
  • sintomi cardiaci : battito veloce (tachicardia ), irregolarità delle pulsazioni, extrasistole, senso di costrizione e dolore precordiale
  • sintomi dell'apparato digerente : difficoltà a digerire, sensazione di costrizione alla gola e allo stomaco, aerofagia, nausea, vomito, diarrea, dolori all'apparato gastrointestinale
  • sintomi cutanei e sensoriali : sudorazione fredda profusa,sensazione di freddo al volto e agli arti, formicolii, intorpidimenti, pruriti, senso di vuoto o vampate di calore alla testa, come altre parestesie (anomalie delle sensazioni, consistente in ritardo, persistenza, errore di localizzazione degli eccitamenti tattili, dolorosi o termici )
  • sintomi neuromuscolari : tremori, tensione muscolare, irrequietezza motoria sia generale che alle gambe

Molto spesso si notano anche:

  • difficoltà nel controllo della direzione del pensiero riguardo le preoccupazioni
  • difficoltà di concentrazione
  • facile affaticabilità
  • irritabilità
  • disturbi del sonno : insonnia con difficoltà ad addormentarsi, sonno poco profondo, con incubi ed improvvisi risvegli
  • disturbi sessuali : diminuzione del desiderio sessuale, difficoltà erettili od orgasmiche nell'uomo e anorgasmia nella donna

Questo stato emotivo e i sintomi fisici causano un disagio clinicamente significativo e/o una limitazione della frequentazione sociale, dell'attività lavorativa o di studio. Spesso si associano anche sintomi che si possono riferire ad altro disturbo, molto comune è l'associazione con pensieri ipocondriaci o sintomi depressivi.

 
 

Dott.ssa Fiorella Bado

Specialista in psicologia e sessuologia, la dott.ssa Fiorella Bado riceve presso il suo studio di Firenze, in Via Franchetti n. 6 (angolo Via Baracca).

Per informazioni o per prenotare un appuntamento, è possibile utilizzare i seguenti recapiti.

Telefona allo Studio 055 4377229

Invia email

Feed RSSSeguici su Facebook
Copyright © 2016-2019 Dott.ssa Fiorella Bado - P.Iva 02037200488
impresaweb.euInfo CookiesDisclaimer

Il sito psicosessuologia.it utilizza i cookie

1 - Utilizziamo cookie tecnici, essenziali per consentire il corretto funzionamento del sito

2 - Utilizziamo cookie statistici che ci aiutano a capire come i visitatori interagiscono con il sito, raccogliendo informazioni in forma anonima.

3 - Nel nostro sito inoltre, sono inclusi servizi di terze parti (statistiche, social media, prenotazioni e simili) che utilizzano dei cookie sui quali non abbiamo alcun controllo.

Esprima la sua preferenza in merito ai cookies che vuole attivare. Per informazioni dettagliate si rechi alla pagina Cookie Policy

Close
^